Il Laghetto

A quattro chilometri da Acquapendente in direzione sud, su un leggero declivio inondato di luce, accarezzato da una brezza costante che spira leggera e fresca dai rilievi orvietani e dal mare, abbracciato dalla antica strada consolare Cassia a est e lambito dalla medievale via Francigena ad ovest, sorge il laghetto per la pesca sportiva San Biagio.

Occupa un’area di 6000 metri quadrati su un totale di 3 ettari di proprietà comunale i cui amministratori con meritevole lungimiranza hanno affidato in gestione alla A.S.D. Vigor di Acquapendente che ne ha curato la realizzazione e che ha raccolto, valorizzandola, l’eredità dell’Associazione protagonista di una lunga, polivalente e qualificata tradizione iniziata nell’anno 1029.

La struttura, la cui attività prevalente è, e rimane, la pesca, passione insopprimibile di professionisti e dilettanti, si presenta anche come poliedrico punto di riferimento per iniziative culturali, sportive, sociali, di movimento, gioco e relax rivolte a scuole, associazioni giovanili, cittadini di ogni età e provenienza.


GLI APPASSIONATI

Nelle due parti in cui si divide il laghetto gli appassionati (soprattutto gli esperti) potranno trovare una ricchissima fauna ittica in cui mettere alla prova la loro abilità: pesci-gatto, branzini, carpe giganti e, (in primavera, autunno e inverno) anche trote da una parte; tarassi, tinche, amur, dall’altra.

Diverse gare sono organizzate a ritmo settimanale, mentre in speciali occasioni (tempestivamente segnalate) si potrà partecipare a tornei con premi di alto valore.


I GIOVANI

Sulla base di una riuscitissima esperienza con i ragazzi della scuola media che hanno seguito corsi teorico-pratici, per esplicita volontà del gruppo dirigente quella esperienza dovrà diventare una attività costante con istruttori esperti e capaci, già individuati, per introdurre i giovai nei segreti e nelle tecniche di questo nuovo e affascinante sport.


DIVERSAMENTE ABILI

Il contatto con il mondo animale si è rivelato, con attendibilità scientifica, un valido strumento di crescita e di benessere psico-fisico.

La pesca sportiva con le sue fasi di preparazione, paziente attesa, concentrazione, raggiungimento del risultato, cura dell’animale catturato e restituzione dello stesso al suo ambiente, può offrire al diversamente abile emozioni e ricadute altamente positive a livello psicologico e comportamentale.

Sarà compito dell’Associazione prendere contatti con le organizzazioni che operano nel settore della disabilità per offrire a tutti questa preziosa esperienza.